.

Lucille ha due grandi amori, Il Tango e la Scrittura.    

.

racconti

.

Adora ballare e scrivere un fiume di pensieri.
Se il suo ragazzo avesse accettato di iscriversi con lei ad una scuola per imparare i passi del tango, lei sarebbe stata la ragazza più felice del mondo.  
   
Si, Lei Lucille scrive …    
  
Lei ha un’innata forza sognante, idilliaca, che riesce a mettere sul foglio.
E scrivendo di tango migliora anche il suo modo di ballare.   
Il suo ragazzo vede che queste fonti gioiose per Lucille possono diventare delle ”rivali” in amore.  
Lui è un tipo molto stravagante, e lascia, seppur bendato, il passo al Señor Tango.      
.
javè2
.
.
Si, perché un giorno lei, Lucille, prende un foulard e lo benda.    
.
Una volta bendato comincia a sussurrargli le emozioni di quando balla e di quando scrive.   
.
Questo è solo l’inizio di una storia probabile che potresti scrivere anche tu, in forma diversa, su questo spazio a tua completa disposizione:   
.
Francesco El Actor scrivi
 .
Senza saperlo sarai felicemente travolto da emozioni, rivivrai le tue ed altre avventure e forse, solo forse, dopo un ricco Buffet di Segreti, potrai ritrovarti in qualcosa di speciale, una energia che ti conquista, una Storia stimolante ed avvolgente, un’esperienza in cui potrai rispecchiarti.  
 
Si ancora, dove eravamo rimasti ? ecco Lucille scrive:     
.
…….  Gli ho raccontato tanto e lui bendato comincia a immaginare e sognare le mie suggestioni.  
Poi si alza e scende al piano di sotto.
 
Ed allora giro e rigiro fra gli elegantissimi abiti appesi. 
Uno attira il mio sguardo è rosso come la passione. 
E’ scollato sulla schiena, con un laccetto sensuale a chiudere il collo, corpetto stretto e fasciante, morbido sui fianchi e cascante ad altezza irregolare fino al ginocchio con ampi spacchi laterali che consentono agili movimenti delle gambe. 
  
Il desiderio di essere bella si è impadronito di me.  
.
lucille1
.
Indosserò questo, penso sorridendo, già pregustando la romantica serata a lume di candela nello chalet con lui, il mio ragazzo.
Per le scarpe non ho dubbi, le prime che ho adocchiato sono quelle giuste per me.
Metto le mani fra i capelli, vorrei raccoglierli con un bel fermaglio.  
Prendo tutto il necessario per il trucco e per acconciare i capelli e mi dirigo senza esitare nella stanza da bagno.
Mi siedo davanti allo specchio grande guardando la mia immagine riflessa.  
.
Sono bella, sono molto bella con l’abbronzatura estiva.
Quasi bacio lo specchio tanto mi sembra magico!  
  
Scelgo un trucco semplice che dia luce al viso senza appesantirlo.
Le labbra contornate da una riga color marrone ed un rossetto color rosso scuro che ben si abbina con l’abito scelto.  
Raccolgo i capelli lasciando libere un paio di ciocche davanti al viso.
Un bel fermaglio con zirconi ferma i capelli dietro la nuca.
Qualche mollettina con brillantino finisce l’opera degli ultime ciocche ribelli che non vogliono rimanere al loro posto. 
Indosso l’abito, naturalmente corredato da un intimo adeguato.   
Indosso anche una guêpière di colore nero, ormai non mi sorprendo più di nulla!  
.
Calzo le scarpe senza calze, le gambe sono abbronzate come tutto il corpo.  
.
Osservo il mio tatuaggio alla caviglia e me ne compiaccio.
Mi guardo allo specchio e mi sento seducente come la terra africana.
Socchiudo gli occhi e sento il sangue che sale e pulsa nelle vene: la vita vera mi scorre dentro.    
.
Che sensazione meravigliosa!    
.
Scendo al piano di sotto dove il dott. Javier mi attende impeccabilmente vestito anche lui di tutto punto.
Indossa una camicia bianca, pantaloni e giacca nera, scarpe in tinta ed in testa un cappello che gli oscura in parte il viso rendendolo ancora più seducente.    
.
Mi sbircia e sorride…..     
.
Il suo sguardo dolce mi inonda l’anima!     
“Sei pronta Lucille per una serata di Tango a St. Etienne?”      
.
“St. Etienne?“      
.
Lo guardo stranita, adoro quella città. Ho tantissimi ricordi di quando vi frequentavo l’università.
Che emozione ritornarci dopo tanti anni!
Lascio trapelare la mia gioia. Come quella di una bimba che riceve un grandissimo regalo inaspettato.    
.
Tutto ciò che riesco a sussurrare è: “Grazie!”.    
.
E poi un sonoro bacio sulla guancia che coglie Javier di sorpresa.  
Lui arrossisce.     
.
Mi accompagnerà in una milonga per la prima volta!     
.
.
 
Rieccoci a bordo della mia twingo rossa che sfreccia veloce verso St.Etienne.
Ora cara Lucille, io, il creatore di questa storia, mi blocco qui e ti farò rivivere nel prossimo messaggio.     
.
Questo perché ora ti voglio svelare il 7° segreto.       
.
534355_225053607655840_317960109_n
.
Una delle prime cose che ti devo dire, che certamente ti lascerà spiazzata, è che esiste un luogo nella milonga, come nella vita, dove il tempo ha smarrito la sua struttura.     
.
Il 7 segreto ha poco a che fare con l’abilità di vivere meglio o ballare meglio, ha molto più a che fare con quello che io chiamo “potere personale“ anche se la parola potere può spaventarti perché di solito è collegato con la parola responsabilità.  
  
Sò che pronunciando la parola potere, questa ti mette un po’ a disagio, non ti soffermi con piacere a pronunciarla, tuttavia dal mio punto di vista ti rivelo il suo vero significato. 
Il Potere Personale è l’abilità di creare un legame tra il luogo dove nascono le “intenzioni” e le “azioni” che plasmano la tua vita.
  
D’ora i poi il tuo motto sarà:     
.
“Lo Voglio Fare, Lo Faccio“       
.
 
Il Potere Personale è la capacità di muoverti nello spazio in cui ti trovi.   
Nella milonga, ad esempio, mentre balli il tango.   
Così che sia chiarissima per te la direzione in cui vuoi andare, e lo sia anche alle persone intorno a te. 
     
Questo è ciò che ti succede mentre balli un “Tango con l’essere divino”.     
.
Chi è l’essere divino?    
.
E’ quella sensazione che si instaura raramente, perché non è cercata, fra te e il ballerino e ti fa sognare.   
.
Ed è questo ciò che io chiamo Potere Personale.   
.
Mentre balli un Tango con l’essere divino, invochi, contatti e ti ricolleghi a te stessa, alla tua fonte femminile, quella che io chiamo “Grazia“.    
.
Lucille, anima luminosa, tu sei piena di Grazia.    
.
     
Comunichi questa tua energia tipicamente femminile attraverso uno sguardo, attraverso una postura, attraverso la pelle, attraverso la tua propria presenza, attraverso il tuo abbraccio. 
Quando la Grazia è forte, quando è chiara, riesci a emanarla al tuo esterno e a comunicare chi sei.   
Non sono determinanti per questo le tecniche imparate, esse ti aiutano ad esaltarti.  
.
E’ qualcosa che avviene e nasce al tuo interno, e che è correlata direttamente con “chi sei” prima ancora di quello che fai.   
.
Lucille quando manifesti la Grazia questa si vede.  
.
A questo livello di chiarezza e di intensità, la Grazia non è una cosa su cui non puoi fingere. 
E’ percepita ad un livello profondo ed intenso dalle persone che hai intorno. 
Questo non ha niente a che fare con la tecnica ha a che fare solo con te.  
 
Tienilo bene in mente e nel cuore: “Ha a che fare solo con te”.    
   
10394506_820491871295350_1559707580125446590_n  .
Quando aderisci completamente a “chi sei“ si aprono delle porte che non si sarebbero aperte per nessun altra ragione.   
Ricorda Lucille, se segui la tua felicità si apriranno porte dove prima c’erano soltanto muri!     
.
Si aprono le porte e la luce entra nella tua mente e nel tuo cuore.    
.
  
Lucille, riconosci e senti ciò che sei in verità, bisogna che ti svegli sul serio e smetti di credere nelle favole.   
Scoprirai che in verità non stai cercando solo di vivere bene    
 
ma stai cercando te stessa…. stai cercando il Tango, il tuo Tango, la Verità…….    
.
E’ per questo che ho messo a tua disposizione questo spazio. 
Uno spazio dedicato ai non professionisti.    
.
Iscriviti Ora, ed inizia a raccogliere la tua Rosa Rossa:  
.
Francesco El Actor blog pubblico
.
.
P.S.: se vuoi sapere come continua la storia di Lucille e Javier continua a seguirmi. Ciao.  

.

poesia.

.

Leave a reply

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

required